Splendere è un diritto e un dovere. Soprattutto un dovere!

Brutte ombre scure su di me

Nei giorni scorsi, brutte ombre scure si sono abbattute su di me. Sono state settimane molto intense, in cui al normale carico lavorativo, si sono aggiunte una campagna mediatica d’odio che si e abbattuta sul comune per cui lavoro (e quindi da affrontare) e un evento di rilevanza nazionale da organizzare…

Tutto molto stimolante, ma ne sono uscita a pezzi, tipo come se fossi stata infilata in un tritacarne: di me, alla fine, era rimasta una polpetta!

Ho un brutto difetto: assorbo quel che capita come una spugna. In genere, riesco a rendermene conto in corsa e a fermare il processo di assorbimento o a buttare fuori in tempo cose che generano malessere.

Nelle scorse settimane, vuoi il ritmo frenetico delle giornate, vuoi il fatto che non potevo correre il rischio di deconcentrarmi perdendo pezzi importanti, non ho avuto spazio sufficiente per capire che qualcosa si stesse sedimentando dentro di me.

Ed è accaduto che venerdì scorso, due settimane dopo che la bufera si era scatenata e calmata, ho reagito a una questione lavorativa proprio come contesto facciano altre persone.

Quando ho avuto tempo di pensarci, mi sono resa conto che l’Eleonora che voglio essere non si comporta così e che l’Eleonora che ha avuto quel comportamento era il risultato di tanti comportamenti di altre persone, assorbiti settimana dopo settimana.

In altre parole, ho assorbito cosi tanta negatività, che ho reagito in maniera negativa e distruttiva.

Che fare??? INVERTIRE LA ROTTA: QUELLA ELEONORA LI’ NON LA VOGLIO PIU’ VEDERE, NEMMENO IN CARTOLINA.

Ricordati di splendere

Onesta, non conoscevo Johanna Maggy:Splendere” mi è stato regalato senza che sapessi nulla né del libro né della sua autrice. E se devo essere altrettanto onesta, forse proprio perché non conoscevo la Maggy, l’ho trovato un po’ troppo auto- celebrativo…

Però… questa faccenda dell’imparare a splendere e di trovare piccoli incantesimi per brillare ogni giorno, mi piace molto. E non solo mi piace: CREDO CHE OGNUNO DI NOI NE ABBIA DAVVERO BISOGNO!

Le persone come Johanna Maggy, che riescono ad adottare comportamenti sani e stili di vita consapevoli hanno tutta la mia stima, anzi, anche un po’ di invidia (positiva ovviamente, nel senso che vorrei essere come loro). Vorrei tanto essere costante e capace di prendermi cura di me ogni giorno, ma (lo dico!) nel vortice della quotidianità non riesco a trovare un metodo per ricordarmi di splendere ogni istante.

Perché, nel turbinio delle nostre giornate, ritengo che ci siano due modi per fare tutto quello che facciamo: DISTRUGGERE o COSTRUIRE.

Sta a noi capire raccogliere quanto ci accade e indirizzarlo verso qualcosa di costruttivo, per noi e per gli altri. Che del distruggere ce ne facciamo ben poco, abbiamo bisogno di costruire cose belle per noi e di essere ponti per trasmettere questo approccio alla vita.

Per questo di quella Eleonora di cui ho parlato prima mi vergogno un po’: perché contesto certi atteggiamenti eppure ne sono diventata schiava (per fortuna solo per un attimo, poi sono rinsavita!!!), perché, presa dalla frustrazione, ho avuto un comportamento distruttivo (atteggiamento che odio profondamente!).

Splendere, di cosa parla?

“Splendere” è diviso in 9 capitoli, ognuno dei quali tratta un argomento in grado di aiutarci a migliorare la nostra vita.

Il cambiamento verso una vita più sana e più felice è fatto di piccoli gesti che, come incantesimi, hanno il potere di trasformare a poco a poco le nostre giornate e le nostre esistenze“.

Una delle cose che più amo della vita è il fatto che offre infinite opportunità di ricominciare, di trasformare ogni giorno in un nuovo inizio […]

Non conta la situazione in cui ti trovi. Puoi essere cosi abbattuto da pensare che il tuo cuore si sia irrimediabilmente svuotato e che nella tua anima non ci sia più un briciolo di felicita, eppure ti si presenterà sempre un’occasione per ripartire e provare a fare meglio, un passo dopo l’altro.

Quando gli eventi della vita ti hanno strappato la gioia, la leggerezza, le risate, puoi decidere di cambiare rotta e di riprenderteli. Davvero non è mai troppo tardi per provare a cambiare, migliorare, guarire le tue giornate e lasciare che l’amore vada e torni. Fare spazio a un nuovo inizio.

Si combatte per sè stessi, per trovare un modo autentico di fiorire, di rendere questa vita nostra e nostra soltanto.

Queste le prime righe del libro…

Unendo quella particolare saggezza nordica che le deriva dagli anni trascorsi in Islanda a contatto con la natura all’esperienza di insegnante di pilates e coach olistica, Johanna Maggy ci invita a prendere in mano la nostra salute e ci accompagna passo passo lungo la via del benessere.

Lasciare il giusto spazio al respiro, introdurre una abbondante idratazione nella nostra routine quotidiana, imparare ad ascoltare il nostro corpo per nutrirlo nel modo più corretto, a volte, semplicemente, accendere una candela: sono solo alcuni dei tanti consigli che la Maggy ci regala, insieme alle ricette più gustose e apprezzate dai suoi bambini e ad alcuni semplici esercizi da inserire nelle nostre giornate.

Lo splendore si trova dentro di noi, è un seme nascosto nel cuore e ha bisogno di essere curato amorevolmente.

È qualcosa che riluce da un luogo profondo, la parte speciale del cuore che irradia tutto il corpo: le vene, i muscoli, i nervi, gli occhi, la pelle, il sorriso, il respiro, le parole.

Quando ti occupi di te, quando senti la necessità di incarnare la tua versione migliore e la libertà di essere semplicemente quello che sei, allora splendi.

Splendere, consigliato

Come ho detto, questo volume mi è sembrato un po’ troppo centrato sulla sua autrice e sulla sua invidiabile bellezza ed eleganza.

Ma di fatto ci mostra come lei abbia trovato la sua via per essere davvero luminosa, per splendere. Bastano la prima foto a trasmettersi un senso di pacatezza e leggerezza da cui possiamo solo trarre buon esempio.

Nel complesso, anche se non so se cucinerò mai le sue ricette (magari no, chi può dirlo?) alcuni consigli cercherò di farli miei.

Inoltre, alcuni passaggi del libro mi hanno ricordato alcune cose in cui credo fermamente: che il modo in cui guardiamo le cose le influenza, che il cambiamento e inevitabile, che la forza sta dentro di noi, che il mondo cambia a seconda di come lo guardiamo, che dalla natura possiamo trovare forza e ispirazione e che…

Indovina cosa può renderti più forte di quello che pensavi? CREDERLO!

Certi libri ci indicano la strada, altri ci ricordano il percorso verso chi vogliamo essere! Come i sassolini lasciati sul percorso da Hansel e Gretel…

Per leggere le altre recensioni, clicca qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.