«Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L’opera dello scrittore è soltanto una strumento che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza il libro, non avrebbe forse visto in se stesso».

MARCEL PROUST

Se siete lettori accaniti, provate di certo anche voi, costantemente, la sensazione che ogni libro che leggete stia parlando proprio a voi, proprio per il momento della vita che state vivendo. E sapete che un romanzo letto un anno fa, oggi vi sarebbe piaciuto di meno o di più, ma di certo in maniera differente!

Perché i libri sono come i gatti, arrivano nelle vostre vite proprio quando devono arrivare, per dirvi quello di cui avete bisogno, per accompagnarvi nel viaggio che dovete fare proprio in quell’istante. Non prima e non dopo. Ora. 

Ma vista la mole di libri che ogni lettore legge in un anno, vi siete mai chiesti che cosa accomuna le vostre scelte letterarie? Cosa deve avere senza dubbio un libro per conquistarvi? 

Esiste la ricetta del romanzo perfetto?

Ricette per i libri

Ricette per i libri, ormai lo sapete, fa sempre pausa nel periodo estivo. Torna con l’avvicinarsi dell’autunno, quando l’odore di foglie rosse fa tornare la voglia di sentire profumo di dolce e cannella per casa. 

Torna dunque oggi, con la torta che ho preparato per il terzo compleanno della mia bimbetta. Lei che non mangia dolci (siamo sicuri che sia mia figlia?!) ha voluto spegnere le candeline su una torta-pizza (sob!) ma per gli ospiti ho preparato una delle mie torte, una mai fatta prima, che si è rivelata contenere tutto quello che per me una torta deve avere. 

Ma poiché, ormai lo sapete, la mia mente porta sempre ai libri… mentre assaporavo la torta perfetta mi sono chiesta: e se dovessi fare una lista di ingredienti per un romanzo perfetto, quale sarebbe? 

La ricetta del romanzo perfetto secondo me

Avevo scritto un articolo simile un anno fa, parlando però  degli ingredienti per SCRIVERE il romanzo perfetto. Ma se dovessimo parlare degli ingredienti che deve avere un romanzo DA LEGGERE per diventare uno dei miei preferiti? 

Ecco la mia ricetta del romanzo perfetto

  • Originalità: la base, come la farina. Come puoi fare una torta senza farina? Ecco, esattamente come non puoi fare un romanzo senza originalità. Che sia nella trama, nello stile narrativo, nella storia, nell’ambientazione, nelle descrizioni, nella scrittura, basta che sia diverso e si lasci ricordare!
  • Poesia: la dolcezza, come lo zucchero. Anche nelle storie più cruente e dure, quà e là, lungo il percorso, mi piace trovarci elementi che creano magia, parole e frasi che fanno riflettere, da sottolineare e annotare come insegnamenti. 
  • Mazze e panelle, che fann’ ‘e figlie belle: ovvero, “il bastone e la carota”. Affinché un romanzo sia davvero bello, per me, ci deve essere dolcezza e durezza, troppa dolcezza lo rende troppo mieloso, troppa durezza troppo cupo e doloroso. Per me, ci vuole il mix perfetto, come in una torta ci vuole il giusto equilibro tra croccantezza e morbidezza. 
  • Cotti a puntino: il romanzo perfetto necessita di cottura perfetta del lettore, in altre parole il finale, dopo aver cotto a puntino chi legge, deve arrivare come un colpo di fulmine. E wow!
  • No cliché (un po’ come assolutamente no alla vanillina!): li odio! Preferisco un romanzo che finisce male a uno che finisce in maniera scontata e prevedibile. 

Ricetta crostata cheesecake ai lamponi

la ricetta del romanzo perfetto

Ma quindi, va bene le ricette filosofiche di libri perfetti, ma la ricetta della mia torta perfetta la volete o no?

Eccola, la amerete: crostata cheesecake ai lamponi, ispirata a una ricetta di Architettandoincucina.it, con qualche piccola variante.

Ingredienti per la frolla

  • 200 g di burro
  • 75 g di zucchero
  • 50 g di farina di mandorle
  • un uovo
  • 250 g di farina
  • 1/4 di bustina di lievito

Ingredienti per il ripieno

  • 450 g di Philadelphia
  • 75 g di zucchero
  • un uovo
  • un albume
  • 3 g di gelatina
  • 12 g di acqua per gelatina

Ingredienti per la streusel (ovvero il croccantino da cospargere sopra)

  • 50 g di farina di mandorle
  • 75 g di farina 00
  • 50 g di zucchero
  • 50 g di burro
  • 25 g nocciole
  • 1 pizzico di sale

Preparazione

  • Preparate prima la frolla: unite il burro allo zucchero e le uova, poi unite le farine (che avete precedentemente unito al lievito). Amalgamate (ho fatto con le mani) fino ad avere un composto compatto ma ancora molle (non viene come la frolla classica).
  • Prendete lo stampo (tondo classico per torta, non per la crostata), coprite con carta forno e disponete sulla base e lungo il bordo. Lasciate riposare per mezz’oretta in frigo.
  • Preparate intanto il ripieno, semplicemente unendo tutti gli ingredienti con uno sbattitore.
  • Tirate fuori lo stampo con la frolla, versateci in mezzo il composto di Philadelphia. Mettete in forno caldo a 175 gradi per circa un’oretta (sarà cotta quando la superficie sarà bella dorata).
  • Una volta cotta, tirate fuori dal forno e fate raffreddare. Dopo un paio d’ore mettete in frigo a riposare, meglio se per una notte intera.
  • Preparate lo streusel: fate sciogliere il burro e mescolateci tutti gli ingredienti, poi mettete in forno a 150 gradi per 30/45 minuti. Fate raffreddare.
  • A torta raffreddata, cospargete con la marmellata, decorate con lo streusel e poi con i lamponi. Cospargete di zucchero a velo.

La ricetta del romanzo perfetto secondo voi

Questa torta vi sorprenderà. I procedimenti sono diversi, ma la preparazione non è per niente difficile.

Ma veniamo a noi… anzi a voi: quale è la ricetta del romanzo perfetto secondo voi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.